Seduzione: il segreto per sedurre una ragazza fin dall’approccio

come approcciare una ragazza

Hai mai provato ad approcciare una ragazza di giorno da più di 2 metri di distanza? E invece ti è mai capitato di conoscere una ragazza che stava li al tuo fianco, in biblioteca, alla fermata del bus o a alla macchinetta del caffè?

Bene.. quale dei due casi è stato più semplice proseguire la conversazione? hai notato differenze sul come conquistare una ragazza che si trova fuori dalla tua zona di “potere” e una che invece è dentro di essa? (per zona di potere intendo quella zona raggiungibile dalle tue mani senza doverti muovere con i piedi). E perché succede tutto questo?

La risposta è: l’attrazione nella tua zona di potere è maggiore!

Vediamo cosa intendiamo quando diciamo che c’è più attrazione tra un uomo e una donna quando si trovano vicini.

Nel mio blog semplicementeattrazione.it ho parlato spesso dell’importanza del linguaggio del corpo nella seduzione e ancor di più del ruolo predominante che ha il dialogo fisico tra te e la ragazza ai fini di portare a casa la “conquista”, cioè di sedurla.

Ora per capire quanto faccia la differenza se un uomo, fin dall’approccio, può toccare una ragazza e invece se non può. E per farlo, chiediamo aiuto alla nostra “sorella maggiore” ossia la psicologia e in particolare ad un studio fatto in Francia nel 2007 dallo psicologo Guéguen che fece DUE esperimenti molto semplici (e quanto meno utili per tutto il mondo della seduzione!): studiare il potere del tocco fatto da un uomo ad una donna durante un “approccio”. Ecco cosa è successo…

La seduzione del tocco parte 1: “rimorchiare” in discoteca


banner seduzione

Lo psicologo chiese ad ragazzo di approcciare centoventi ragazze in un locale notturno nell’arco di tre settimane.

Per l’intero corso dell’esperimento, gli approcci venivano monitorati per far si che non ci fossero altre “variabili” a influenzare i risultati “seduttivi”, si tratta di un vero approccio di notte, in pista da ballo, ossia il ragazzo si avvicinava ad una ragazza che non conosceva e le diceva “Ciao, mi chiamo Antoine. Vuoi Ballare?” (caxxo viva la semplicità!) e qui partiva l’esperimento vero e proprio, perché nella metà degli approcci il ragazzo accompagnava la richiesta di ballare insieme con un lieve tocco sul braccio e nell’altra metà no.

La seduzione del tocco parte 2: “approccio” per strada

Nel secondo esperimento si trattava invece di mandare un ragazzo a conoscere le ragazze per strada e cercare di prendere il numero ad ognuna delle “malcapitate”.

Gli uomini “tester” approcciarono circa 240(!) ragazze, dicendo pressoché le stesse cose: che erano molto carine, le invitarono a bere qualcosa e dopo qualche ora (ok, avevano bisogno di un corso di seduzione mi sa!) le chiedevano il numero di telefono.Metà delle volte al momento di chiedere il numero usavano il tocco sul braccio l’altra metà no.

Secondo te, dal punto di vista della seduzione cosa hanno detto i due studi?!

Se hai pensato che il tocco aiuta nella seduzione hai pensato bene! infatti durante il tentativo di “rimorchio” in discoteca il 43 % di risposte positive, si era trasformato magicamente in un 65% di “SI!”. 

Sottolineo dal 43 al 65 percento SOLO aggiungendo un lieve tocco sul braccio della ragazza mentre le facciamo la richiesta.

Per strada è ancora più evidente la forza per conquistare una ragazza del dialogo fisico, infatti i “numeri di telefono presi” sono passati dal bassissimo 10% al 20%… con un incremento del 100%!!!

Ma perché nel corso di un approccio (nel caso della discoteca) e nel corso di una richiesta come il numero di telefono (nel caso della strada) toccare una ragazza porta così tanti vantaggi nel risultato positivo della conquista?!

Qui ci aiutano ancora una volta le sorelle maggiori della seduzione: psicologia e sociologia. Infatti molti psicologi ritengono che il dialogo fisico nella seduzione sia così efficace nel sedurre una ragazza a causa del: sesso e condizione sociale.

Molte ricerche sostengono che le donne trovano più attraenti gli uomini di alta condizione sociale rispetto a quelli di bassa condizione (che novità:P). E questo perché sappiamo dalla psicologia evoluzionistica che gli uomini con alta condizione sociale sono meglio equipaggiati per provvedere alla coppia e alla protezione dei figli.

Ma come fanno le donne a capire se un uomo che hanno appena incontrato sia un uomo con alto status o no?!

La risposta è racchiusa, anche, nel tocco. Molte prove scientifiche dimostrano come un tocco delicato è percepito come segno di condizione sociale alta. Non ci credi?!

allora chiedi ad una ragazza di guardare delle fotografi di qualcuno che tocca qualcun altro e chiedi “se ti dicessi che in questa foto c’è un dominato e un dominatore… chi diresti che è il dominatore?” 9 casi su 10 risponderà il ragazzo che tocca l’altro.

ATTENZIONE!! non ti sto dicendo che devi toccare gli altri “maschi” per essere l’alpha della situazione (ricorda le donne sono attratte dall’alpha psichico se non sai di cosa sto parlando clicca QUI sotto: Questi studi ci dimostrano che una donna percepisce come un uomo “di valore”, un uomo che SA usare un tocco delicato con loro, fin dalle prime battute.

Quindi la prossima volta che vuoi sedurre una ragazza ricordati di toccarle delicatamente il braccio fin dall’approccio… e avrai AUMENTATO le tue possibilità di conquistarla MINIMO del 50% (fino ad un 100%).

Ci sono tanti altri aspetti da considerare quando si parla di linguaggio del corpo nella seduzione, e di dialogo fisico, per es. se la ragazza è visiva, auditiva, cinestetica, come studiamo per bene nel modulo riguardante “super corpo che seduce” nel master di seduzione.

Tu fai questo adesso se vuoi approcciare una ragazza, conoscerla e conquistarla?!

toccala fin dall’inizio ;)

buona seduzione,

Fabio S.

banner seduzione

This entry was posted in Seduzione and tagged , , , . Bookmark the permalink.

One Response to Seduzione: il segreto per sedurre una ragazza fin dall’approccio

  1. fabio says:

    Si il tocco con una ragazza permette gia inconsciamente di riuscire ad interagire meglio perchè si puo presumo che si sia creato un collegamento ovvero spezzato una barriera iniziale per iniziare l approccio.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *