Seduzione: Come un Ballo

seduzione e ballo

Oggi mi è venuto da riflettere sulla mentalità e le credenze che è giusto avere in ambito di seduzione.

Il concetto su cui mi piace basarmi e riflettere è che la seduzione non è e non sarà MAI un processo in solo, ma in coppia.

Solo così potrai avere un successo VERO!

Ho conosciuto e parlato con tantissime persone che quando si parla di sedurre impostano subito tutto sulframe mentalesbagliato.

Fino ad ora ho riscontrato quelli che:

– vedono la ragazza come il premio alla fine dell’interazione seduttiva andata bene

– vedono la ragazza come un nemico da battere

il primo caso è il più controverso di tutti. Una delle prima cose che si apprendono è che noi dobbiamo essere il premio. Si imparano un sacco di modi di fare e cose da dire per impostare le discussioni in modo che noi APPARIAMO il premio. Però dentro c’è sempre la vocina: la voglio, la voglio, la voglio, deve essere mia. Ovvero siamo un controsenso vivente. E poi partono le seghe mentali quando l’interazione seduttiva non va a buon fine.

Il secondo caso pure è un caso abbastanza comune e generalmente è presente nelle persone che hanno fatto dei comportamenti da “alpha” e da cattivi ragazzi il loro cavallo di battaglia. Far provare emozioni ( sia positive che NEGATIVE ), fare il duro, fare lo stronzo… dover superare duemila test come se fosse una guerra…

In entrambi i casi ci saranno di risultati ma restano quello che effettivamente sono, ovvero risultati effimeri ed incostanti. Aggiungerei estremamente dannosi per te in quanto ti daranno la costante illusione del successo bloccandoti effettivamente dall’avere un successo VERO.

Ma io voglio per te una vita piena di successi veri!

La natura ha fatto in modo che uomo e donna dovessero stare insieme, si completassero e si riproducessero.

Uomo razionale, donna emotiva. si completano, tanto per fare un’esempio.

Uomo e donna sono fatti per essere COMPAGNI, non nemici. Non uno un premio dell’altro, compagni. Questa è la Seduzione.

Anche durante un’interazione seduttiva possono esserci diversi frame mentali che va bene tenere. Tanto per fare qualche esempio di cose che potrebbero andare bene:

andiamo a vedere se lei è interessante

– adesso ci divertiamo

– vediamo se sei abbastanza in gamba per me

Sono tutti dei buoni stati mentali da cui partire per approcciare una donna. Ma non si ferma qui, una volta cominciata la discussione si dovrebbe aggiungere un qualcosa, quel qualcosa che ti fa pensare non più in termini di: “io faccio questo quindi lei…” ma in termini di “NOI facciamo questo

Tanto per spiegarmi meglio, mi piace pensare all’interazione con una donna come ad un campo di fiori in cui si gioca e ci si diverte insieme.

IO e LEI, come compagni.

NON come un campo minato in cui si fa a gara a mandare sulle mine l’altro per vincere.

Questa è la mentalità che potrà rendere la tua permanenza nel mondo della seduzione veramente piacevole.

un abbraccio,

Luca S.

Audio – Seduzione come un Ballo

P.S. se ancora non lo hai ancora fatto scarica gratuitamente “Rimorchio Rapido“!

This entry was posted in Seduzione and tagged , . Bookmark the permalink.

3 Responses to Seduzione: Come un Ballo

  1. Mario A. says:

    anche dopo quasi 2 anni, c’e’ ancora molto da imparare! incredibilmente vero… ed assolutamente incredibile vedere quanti ragazzi prendono la seduzione come una sfida e peccano di misoginia!! bel post ;)

  2. Pierre says:

    Bel post, semplice ma molto molto esaustivo, come sempre! Quello di considerare la conquista di una ragazza come una guerra è ‘errore che oggi fanno in molti. Fino a qualche tempo fa pure io la pensavo così, e questo mi portava spesso a non essere me stesso quando dovevo conoscere una ragazza. C’è voluto un po’ di tempo per arrivare a capire l’importanza di tutto ciò, ma alla fine ce l’ho fatta.

  3. Monica says:

    Quanto è vero quello che viene asserito in questo articolo. Il problema è soltanto uno: per riuscire a vivere la seduzione in questo modo bisogna viversi in modo sereno e naturale…..scoprire l’altro deve essere un gioco piacevole. La competizione e la sfida…rovina il canale della comunicazione che è fondamentale. Inoltre mettersi psicologicamente in uno stato di sfida….per ottenere l’altro ci predispone inevitabilmente alla chiusura, pensateci….se inizio a ragionare sul “se fa così….io poi faccio così”…..si perde quella naturalezza con cui noi invece dobbiamo avvicinare chi ci piace….perchè noi così siamo….si alzano inevitabilmente delle barriere. Quindi il primo step è essere sereni di noi stessi e con noi stessi….non dobbiamo dimostrare nulla ne metterci in competizione con altre persone. Chi starà con noi ci deve apprezzare per ciò che siamo. Monica

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *