Una sera al Master Di Seduzione 3.0 – parte prima

Il Master Di Seduzione, il percorso di 6 mesi in cui Fabio S. cambia la vita delle persone portandole il più vicino possibili a quello che loro vogliono essere, sopratutto in fatto di donne.

Un percorso di 6 mesi che è stato il più faticoso ma anche il più bello della mia vita. E che adesso vivo come parte integrante dello staff e non più come studente.

Così che mi sono ritrovato sabato sera ad entrare in un locale con Fabio e con tutti gli studenti del M.D.S. 3.0 pronti a mettere in pratica quello che avevano imparato poche ore prima ed a sedurre le ragazze più belle del posto.

Faccio due chiacchiere con la ragazza all’ingresso che ha il compito di accompagnarci al nostro tavolo, si ricorda di me dopo 10 minuti di conversazione tre settimane prima.

La prendo un po in giro mentre ci porta al tavolo la saluto e ci sediamo, tutti insieme, tutti sorridenti.

Bene siamo dentro, si parte.

Vedo gli studenti partire in giro ed approcciare le ragazze più carine che vedono e decido di andare ad aiutare uno di loro in un gruppo di due ragazze per dargli la possibilità di sedurre la più carina.

Mi avvicino e si comincia. Tengo occupata quella che evidentemente a lui non piaceva, gli suggerisco palesemente una battuta da dire all’orecchio, faccio partire una gara a chi è più alto. Insomma ridiamo e scherziamo, va tutto bene.

Le ragazze sono prese e decido di “isolare” maggiormente la mia cominciando un discorso un po più serio su quello che fa nella sua vita. Pura e semplice conoscenza insomma.

Ed ovviamente funziona.

Lo studente si ritrova a parlare da solo con la più carina e ad un certo punto resta senza cose da dire saluta e se ne va. Peccato, avrebbe potuto andare bene. Ma alla fin fine ancora siamo nel piano svolgimento del master e so fin troppo bene che i risultati, quelli importanti, si vedono alla fine.

Fatto sta che mi ritrovo da solo con le due ragazze e senza un solo motivo al mondo per voler andare via anche io ;) Cosi si continua. Cambio obiettivo su quella più carina e comincio ad informarmi anche su di lei.

La prendo un po in giro, scherziamo sulle loro origini e saltello da una all’altra in modo da tenerle entrambe nel vivo della conversazione.

Per la maggiorparte è divertimento ed attrazione. Le ragazze si guardano e ridono, la più carina è molto meno timida dell’altra e comincia a punzecchiarmi il petto così le prendo la mano e le dico: “no dai.. così, delicatamente, io sono fragile poi mi fai male” e le sposto la mano sul mio petto in una carezza.

Lei ride.

5 minuti dopo diventa la mia ragazza per i successivi 1 minuto e mezzo ( perché l’ingordigia ad una ragazza fa male… ) la faccio alzare, mi siedo al posto suo la sollevo me la metto sulla gamba e l’abbraccio tra gli sguardi stupiti di un paio di allievi che ci osservavano dai divanetti.

Guardo il telefono per vedere quanto tempo è passato e dopo poco più di un minuto la spingo via e me la tolgo di dosso. Parte il suo: “ma che stronzo” con tanto di schiaffo al mio braccio ed il mio sorriso con sguardo dritto negli occhi in risposta.

Parliamo e scherziamo un’altro po, poi semplicemente le dico che è simpatica e di lasciarmi il suo numero di telefono. Telefono in mano e nessun problema. Ancora due battute e torno sui divanetti a bere un bicchiere meritatissimo spumante che nel frattempo il cameriere aveva portato.

Non male per essere il primo approccio della serata… …ed il meglio doveva ancora venire.   Alla prossima “puntata” di questo racconto di “ordinaria” seduzione al M.D.S.

un abbraccio,

Luca S.

P.S. se ancora non lo hai ancora fatto scarica gratuitamente “Rimorchio Rapido“!

This entry was posted in Report and tagged , . Bookmark the permalink.

3 Responses to Una sera al Master Di Seduzione 3.0 – parte prima

  1. Francesco says:

    Bella storia! Mi spiace solo per lo studente che poteva avere davvero una gran serata, purtroppo un sacco di volte pur di fare scena muta si “scappa”, oppure – forse peggio- si finisce in discorsi noiosi e scontati. Peccato che non sempre uno sguardo vale più di mille parole ;)

  2. Pingback: Una sera al Master Di Seduzione 3.0 – parte seconda |

  3. Niccolò says:

    Perché ci si blocca quando si deve prendere un numero di telefono?
    A me è successo oggi con una compagna di classe; ero sicuro che se gliel avessi chiesto me l avrebbe dato (il numero) ma quando l ho vista con le sue amiche non ce l ho fatta :'(
    So che aumenterebbe l attrazione e tutto il resto però non ce l ho fatta :(

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *